Category Archives: Siti Archeologici

I luoghi di particolare interesse archeologico in Sicilia.

Il Castello di Calatabiano, in Provincia di Catania.

Il Castello di Calatabiano, in Provincia di Catania.

L’orario invernale del Castello di Calatabiano è: dal martedì al venerdì dalle 9.00 alle 17.30, il Sabato e la domenica dalle 9.00 alle 20.00, il lunedì chiuso.

L’orario estivo del Catello è invece tutti i giorni dalle 9.00 alle 22.00

Perchè visitare il sito archeologico monumentale del Castello di Calatabiano?

Situato in provincia di Catania, sulla collina denominata “Monte Castello”, il Castello di Calatabiano domina la foce del fiume Alcantara. Per raggiungere il Castello è possibile percorrere un antico sentiero di gradoni che fiancheggia la collina, oppure usufruire del moderno ascensore inclinato. (altro…)

Guida del Castello Chiaramonte a Mussomeli

Guida del Castello Chiaramonte a Mussomeli

Nell’epoca che seguì alla ribellione antiangioina del Vespro, nel 1282, la Sicilia fu travagliata da atroci guerre intestine.

In assenza dei sovrani aragonesi, due frazioni si contendevano il potere sull’isola.

Da un lato la latina, appoggiata da Luigi re di Napoli e capeggiata dai Palizzi e dai Chiaramonte, dall’altro la catalana che sosteneva i sovrani aragonesi e a cui facevano capo, tra gli altri, gli Alagona, i Moncada, i Ventimiglia e i Peralta. (altro…)

Visita al Castello e all'Area Archeologica di Castelluccio - Noto (Sr)

La frazione di Castelluccio appartiene al comune di Noto, nel territorio della provincia di Siracusa.

Da non perdere la visita ufficiale che si terrà domenica 20 novembre 2011 alle ore 10.30!

Non tutti conoscono il Castello di Castelluccio… pochi ruderi ma in una posizione panoramica magnifica.

Si tratta di 4000 anni di storia ripuliti e riportati alla luce dopo decenni, dagli operai dell’ antincendio. Questa area archeologica si trova esattamente tra Noto e Modica, lungo la valle del Tellaro, di cui spero di parlarvi al più presto. (altro…)

Natale in Sicilia - Visita al sito Archeologico di Mineo - Catania

Durante il periodo natalizio la città di Mineo in provincia di Catania, vi offrirà la possibilità di trascorrere le vostre giornate in compagnia di tanti eventi e manifestazioni come: le esposizioni dei presepi artistici e le tante mostre organizzate per l’occasione.

Da non perdere è sicuramente l’Area archeologica di Palikè. Si tratta di un sito che sorge in località Rocchicella, su un contrafforte basaltico a ridosso della vallata del fiume Margi, nei pressi di Palagonia, da cui dista circa 1 km, anche se la zona è annessa al territorio del Comune di Mineo.

La regione Sicilia ha anche creato un’area museale, l’Antiquarium, proprio per esporre i materiali rinvenuti durante gli scavi condotti nell’antica Palikè, in particolare nel santuario (altro…)

Sant'Angelo Muxaro (Ag) - il Sito Archeologico e la Riserva Naturale

Il comune di Sant’Angelo Muxaro è un piccolo centro abitato appartenente al territorio di Agrigento, posto su una collina a 335 metri sul livello del mare, esattamente lungo la riva sinistra del fiume Platani.

In particolare tutta la zona dell’agrigentino, come ben sappiamo è stata terra di conquista da parte dei grandi popoli di un tempo, mi riferisco in questo caso ai nostri vicini Greci. Per questo motivo anche il piccolo paese di Sant’Angelo Muxaro conserva importanti testimonianze archeologiche del grande passato della Sicilia. (altro…)

Cosa Visitare in Sicilia - Il Teatro Greco di Tindari, Messina

La bellezza di Tindari sopravvive ancora oggi nei suoi resti. Oltre al famosissimo santuario della “Madonna Nera”, da non perdere è il teatro greco-romano costruito con blocchi di pietra arenaria dai greci nel V secolo a.C., modificato poi dai romani per adattarlo ai giochi circensi.

Venne costruito sulla naturale conformazione a conca della collina, nella quale furono scavate le gradinate dei sedili della cavea, che doveva contenere circa 3000 spettatori. In età romana vi si aggiunse un portico è l’orchestra venne trasformata in un’arena, circondando così la cavea con un muro, sopprimendone i quattro gradini inferiori. (altro…)